Escursioni & Itinerari

Vall'Organo

Questo itinerario è trai più classici dei monti reatini. Mostra il terminillo nella sua varietà. Attraversa tutte le vette più importanti, dal Monte Terminilluccio alla cresta dei Sassetelli esplorando paesaggi unici della  montagna di Roma. Un percorso lungo e faticoso che viene ripagato da stupendi paesaggi su vette e creste.

Cartografia: Terminillo, 1/15 000, Technopress Gruppo Monti Reatini, CAI, 1/25 000
Periodo: Giugno - Settembre
Difficoltà: EE +, brevi e facili passaggi su roccia
Segnaletica: Bandiere, rosso/bianche
Tempo A.R.: 6.30 h di marcia + arresto
Partenza: Pian dei Valli
Arrivo: Pian dei Valli
Dislivello: 750
Riassumendo: percorso lungo ed impegnativo

 

0.00 Pian dei Valli. Dal centro abitato di Pian dei Valli (1614 m) seguire l’ itinerario n.9 (descritto a pag. 30) fino alla Vetta Sassetelli (2139 m, 3.30).

5.00 Sella di Vall’ organo. Dalla vetta Sassetelli proseguire sul sentiero segnato percorrendo tutta la cresta fino ad un bivio (vedi segnaletica). Lasciare la Sassetelli e continuare a sinistra sul ripido sentiero segnato che scende a zig zag su pietre e ghiaie (segni bianco/rossi). Dopo ampie svolte e tornanti si arriva alla Sella di Vall'Organo (1850 m,1.30)

5.20 Sorgente Acquasanta. Dalla sella di Vall’ Organo mantenersi inizialmente sulla destra per poi deviare sulla sinistra scendendo su erba e pietre (tracce bianco/rosse) fino ad incontrare il sentiero segnato che collega la Stella di Cantalice con Pian dei Valli. Proseguire verso sinistra fino alla sorgente Acquasanta, con il fontanile già visibile dalla Sella di Vall’ Organo (1745 m, 0.20)i si arriva alla Sella di Vall’ Organo (1850 m,1.30).

5.40 Rif. La Folla. Nella sorgente Acquasanta si scende per ghiaie sul sentiero segnato fino ad arrivare ad altopiano erboso (Costa dei Cavalli). Si continua a sinistra entrando in una fitta boscaia e scendendo per ripidi tornanti (segni rosso/bianchi), si arriva nella valle degli Angeli dove è situato il rifugio forestale La Fossa (1505 m, 0.20).

6.30 Pian dei Valli. Dal rifugio forestale La Fossa (non custodito) si prosegue sulla comoda mulattiera (segni bianco/rossi) che, con ampie svolte in leggera salita, attraversa il Bosco del Monte Cardito ed arriva fino alla Sella del vento nei pressi del centro di Pian dei Valli (1617 m, 0.50).

 

Inserito da Lupi Fabiana

Sella di Leonessa

Una passeggiata sul Terminillo. Da Pian dei Valli si percorre la strada che collega il centro abitato con Leonessa fino all'omonima Sella. Un itinerario per chi vuole godersi in tranquillità i Monti Reatini ed assaporare l'atmosfera di una montagna alpina. Al Rif. Angelo Sebastiani, sempre aperto, è possibile gustare ottimi piatti tipici.

Cartografia: Terminillo, 1/15 000, Technopress Gruppo Monti Reatini, CAI, 1/25 000
Periodo: Tutto l'anno
Difficoltà: T
Segnaletica: Inesistente, strada asfaltata
Tempo A.R.: 1.30 h + 1.30 h = 3h di marcia + arresto
Partenza: Pian dei Valli
Arrivo: Rifugio Angelo Sebastiani
Dislivello: 200
Riassumendo: una passeggiata per tutti

 

0.00 Pian dei Valli. Dal centro abitato di Pian dei Valli (1614 m), continuare lungo la strada asfaltata (S.S. N.4 bis) che, con ampie svolte, sale fino a Campoforogna (1675 m, 0.20).

0.20 Campoforogna. Da Campoforogna (vedi cartello stradale) proseguire lungo la strada asfaltata attraversando il centro abitato fino ad arrivare ad un ampio crocevia con parcheggi. Continuare sulla sinistra camminando al bordo della strada statale che collega Campoforogna con la Sella di Leonessa ed il Rif. Angelo Sebastiani (vedi cartelli indicatori). Mantenendosi sulla sinistra, a pochi metri, si abbandona la strada e si sale un brevissimo pendio di ghiaie e rocce (inizio segnaletica rosso/bianca) che finisce sulla strada superiore. Si attraversa quest'ultima e si prosegue sulla neve in leggera salita costeggiando il versante orientale del Terminilluccio fino ad arrivare alla sella con il Terminilletto (1818 m, 1.40).

0.40 Centro appeninico "C.Jucci". Proseguendo sulla strada dopo alcune curve si arriva ad un ampio slargo. Abbandonare la strada asfaltata e continuare sulla destra per il Colle Scampetti dove è già visibile il Centro di Ricerca Appeninico "C.Jucci" (1739 m, 0.20).

1.30 Rif. Angelo Sebastiani. Dal centro di Ricerca Appeninico riprendere la strada asfaltata per il Rif. Angelo Sebastiani e proseguire verso destra in direzione Sella di Leonessa. Si supera la stazione inferiore della seggiovia che, dalla Valle del Sole sale in vetta al Terminiletto dove domina il rifugio CAI Massimo Rinaldi ( già Re Umberto I). Percorrendo pochi chilometri si arriva tranquillamente al rifugio CAI Angelo Sebastiani (aperto tutto l'anno) edificato ai piedi della Sella di Leonessa (1820 m, 0.50).

Variante per il ritorno: dal Rif. Sebastiani è possibile tornare a Pian dei Valli con l'autobus navetta messo a disposizione dal comune di Rieti (informarsi all'ufficio APT di Pian dei Valli sull'attivazione del servizio e sugli orari)

 

Terminillo biciclettaTerminillo - Agro Reatino
Il nostro itinerario parte da Rieti e ci farà conoscere posti bellissimi come il monte Terminillo, la cittadina di Leonessa e l’agro reatino. Rieti è una antica città sabina, adagiata nella parte sud orientale della conca reatina. In epoca romana diede i natali a cittadini illustrissimi come Marco Terenzio Varrone, considerato il padre della romana erudizione e gli imperatori della gens flavia Vespasiano, Tito e Domiziano. Fece parte del ducato longobardo di Spoleto e subì le invasioni dei Normanni e dei Saraceni; nel 1171 nei documenti compaiono per la prima volta i Consoli ad attestare l’avvento del libero Comune. Nei secoli successivi entrò nell’orbita papale anche se per lunghi periodi ebbe una larghissima autonomia. Tra la fine del XVIII e l’inizio del XIX secolo subì due invasioni francesi, per poi rientrare a far parte dello Stato pontificio fino all’annessione al Regno d’Italia. Nel 1927 divenne capoluogo di Provincia.

Vetta Sassetelli 2

Un itinerario per escursionisti che offre splendide immagini naturali dei monti reatini. Da Pian dei Valli fino al rifugio Massimo Rinaldi per poi arrivare in vetta al Monte Terminillo fino sulla cresta Sassetelli. Il panorama è maestoso, paesaggi unici che ripagano ampiamente l'impresa. Richiede una minima esperienza escursionistica su roccia.

Cartografia: Terminillo, 1/15 000, Technopress Gruppo Monti Reatini, CAI, 1/25 000
Periodo: Giugno - Settembre
Difficoltà: E+, brevi e facili passaggi su roccia
Segnaletica: bandierine, rosso/bianche
Tempo A.R.: 3.30 h + 2.30 h = 6h di marcia + arresto
Partenza: Pian dei Valli
Arrivo: Vetta Sassetelli
Dislivello: 450
Riassumendo: percorso escursionistico

 

0,00 Pian Dei Valli.
Dal centro abitato di Pian Dei Valli, continuare lungo la strada asfaltata (S.S. N.4 bis) che, con ampie svolte, sale fino a Campoforogna (1675 m, 0,20)

0,20 Campoforogna.
Da Campoforogna proseguire lungo la strada asfaltata attraversando il centro abitato fino ad arrivare ad un'ampio crocevia con parcheggi. Continuare sulla sinistra camminando al borbo della strada statale che collega Campoofrogna con la Sella di Leonessa ed il Rif. Angelo Sebastiani mantenendosi sulla sinistra, a pochi metri, si abbandona la strada e si sale un brevissimo pendio di ghiaie e rocce che finisce sulla strada superiore. Si attraversa quest'ultima e si prosegue lungo una comoda mulattiera costeggiando il versante orientale del Monte Terminilluccio fino ad arrivare alla sella con il Monte Terminilletto.

2,00 Rif. M. Rinaldi.
Dalla sella del Terminilluccio proseguire a destra sul ripido pendio che, zig zagando su erba e ghiaie, porta sul fianco Ovest del Monte Terminilletto. Continuare a sinistra lungo l'evidente sentiero segnato che, con ampie svolte e tornanti in salita arriva fino in vetta al Monte Terminilletto su cui domina lo storico rifugio CAI Massimo Rinaldi già Re Umberto 1°, aperto nei mesi estivi (2108m 1,00).

2,20 Passo del cavallo. Dal piazzale del rifugio CAI Massimo Rinaldi (2108 m) continuare in discesa sul sentiero segnato in cresta verso nord che, dopo facili passaggi rapidi su roccie e ghiaie, arriva fino al Passo del Cavallo (2083 m, 0.20).

3,00 M. Terminillo. Dal passo del Cavallo (2083 m) continuare lungo il sentiero segnato salendo il rapido pendio (segno rosso/bianchi) inizialmente di ghiaie e rocce. Tra ampie svolte e tornanti, si arriva fino in vetta (2216 m, 0.40).

3,30 Vetta Sassetelli. Della vetta del Monte Terminillo (2216 m) lasciare il sentiero che scende per il Rif. Massimo Rinaldi e proseguire sulla cresta Sassetelli, il massiccio più elevato che divide la Vall'Organo con la Valle della Meta. Continuare lungo il sentiero segnato che dopo brevi e facili passaggi su roccia (porre molta attenzione nell'attraversamento) arriva sulla Vetta Sassetelli, il punto più alto in cresta (2139 m, 0.30).

 

Vetta Sassetelli

Cartina4

Un difficile ma remunerativo percorso escursionistico. Dal Rif. Angelo Sebastiani si sale la ripida e faticosa cresta del Terminillo che porta sulla vetta per poi attraversare la cresta Sassetelli e scendere per il prato dei Sassi fino a tornare al rifugio Angelo Sebastiani. Splendido panorama in cresta. Richiede esperienza e buona preparazione fisica.

Cartografia: Terminillo, 1/15 000, Gruppo Monti Reatini, CAI, 1/25 000
Periodo: Giugno - Settembre
Difficoltà: EE+, brevi e facili passaggi su roccia
Segnaletica: bandierine, rosso/bianche
Tempo A.R.: 5,30 h di marcia + arresto
Partenza: Rif. Angelo Sebastiani
Arrivo: Rif. Angelo Sebastiani
Dislivello: 450
Riassumendo: percorso lungo ed impegnativo

0,00 Rif. A. Sebastiani. Dal rifugio CAI Angelo Sebastiani proseguire lungo il sentiero segnalato per la vetta (vedi segnaletica rosso / bianca). In leggera discesa, inizia seguendo il costone della sella di leonessa per poi svoltare a sinistra proseguendo sotto il massiccio del Monte Terminillo che domina sulla destra ( 1830 m, 0,15).

2,30 Terminillo. Dopo pochi metri il percorso continua iniziando la faticosa e ripida salita (segni bianco / rossi) in cresta che, dopo ripidi tornanti su ghiaie, termina su di un piccolo altopiano (2000 mn, 045). Si prosegue sul sentiero segnato attraverso un tratto in salita con facili passaggi su roccia fino ad arrivare in vetta(2216 m,m 1,30).

3,00 Vetta Sassetelli. Dalla vetta del monte Terminillo lasciare il sentiero che scende per il Rif. Massimo Rinaldi (vedi segnaletica) e proseguire sulla cresta dei Sassetelli, il massiccio più elevato che divide la valle dell’Organo con la Valle della Meta. Continuare lungo il sentiero segnato che dopo brevi e facili passaggi su roccia (porre molta attenzione nell’attraversamento) arriva sulla Vetta Sasserelli, il punto più alto in cresta (2139m, 0,30).

4,45 Le Scangive. Dalla vetta Sassetelli proseguire sul sentiero segnato percorrendo tutta la cresta fino ad un bivio(vedi segnaletica). Lasciare il sentiero per la Valle dell’Organo e proseguire a destra scendendo sul sentiero che attraversa Prato del Sassi ed arriva fino alle Scangive (1950m, 1,45).

5,30 Rif. A. Sebastiani. Dalle Scangive, seguendo il facile sentiero segnato si torna al rifugio CAI Angelo Sebastiani ( aperto tutto l’anno) già visibile sulla destra (1820m, 0,45).

 

Itinerario4