Corso di SkiMan

Campoforogna PDF Stampa E-mail
Comunicati Stampa Generici
Sabato 08 Novembre 2014 07:44

Un’operazione di straordinaria manutenzione, di carattere turistico, oltre che storico e culturale, ha finalmente interessato il Terminillo. Si tratta del monumento di travertino posto a margine del piazzale di Campoforogna, che fu inaugurato nel 1935 e fu collocato quasi di fronte al R.A.C.I., esattamente al centro fra l’inizio e la fine della strada panoramica dell’Anello.
Fu progettato dall’artista reatino arch. Arduino Angelucci e fu collocato il quel luogo per testimoniare il termine della nuova strada Salaria bis, anch’essa da poco realizzata. Il monumento, definito anche l’Erma dei Caduti fascisti, alla cui inaugurazione parteciparono molti esponenti politici dell’epoca, nell’immediato dopoguerra fu notevolmente deturpato e tra l’altro furono danneggiate molte lettere di travertino che formavano la scritta in rilievo posta nel lato sud.
Daniele Fabbro, assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Rieti, nel 2009, curò l’operazione di ripristino per il quale ottenne un finanziamento dalla Regione Lazio, e l’arch. Stefano Spadoni ha poi eseguito il progetto per la manutenzione straordinaria, per conto dello stesso Comune.
Dall’impresa R.D.N. Costruzioni  Scappa di Vazia è stato effettuato il lavoro terminato di recente ed ora esso è finalmente restituito alla sua originale integrità e all’ammirazione dei turisti e di tutti coloro che frequentano il Terminillo. Il restauro è stato completato e abbellito dalla Sabina Simic s.a.s. di Micangeli Pietro e C. di Cittaducale, con l’istallazione di potenti faretti che illuminano l’intero complesso monumentale, alto  undici metri.
Pro Loco e istituzioni turistiche locali, è forse l’occasione favorevole di celebrarne o almeno fornirne un’adeguata comunicazione del suo avvenuto restauro? Non è forse il caso di mettere nel piedistallo del monumento una targa commemorativa e storica per spiegarne la sua presenza? Non potrebbe essere una favorevole occasione per ricordare la nascita della stazione turistica del Terminillo?

Luigi Bernardinetti