Corso di SkiMan

"Riaprite la panoramica del Terminillo" PDF Stampa E-mail
Il Corriere di Rieti
Giovedì 24 Novembre 2016 16:06

Trancassini: "Riaprite la panoramica del Terminillo"
Si riapre la polemica sulla strada panoramica del Terminillo, chiusa ormai da un paio d'anni e oggetto, in passato, di grandi polemiche tra il Comune di Leonessa, sostenuto dagli operatori economici del Terminillo, e le amministrazioni della Provincia e del capoluogo. Si sosteneva, infatti, che vi fosse un pericolo per smottamenti e frane sulla strada, mentre da Leonessa ripetevano che, a parte piccoli eventi che si ripetono ogni anno a seguito dello scioglimento della neve e sui quali è possibile e doveroso intervenire, quella strada andava riaperta. Oggi il coordinatore provinciale di Fratelli d'Italia, Paolo Trancassini, torna all'attacco e mette nel mirino anche e soprattutto l'amministrazione comunale di Rieti, accusandola di non aver fatto nulla per contribuire alla riapertura dell'importante strada della Montagna reatina. "I terremoti che hanno messo in ginocchio interi paesi e danneggiato gran parte del centro Italia - dice Paolo Trancassini -, nonostante la loro furia distruttiva, non sono riusciti ad avallare il teorema sulla pericolosità della strada panoramica del Terminillo. Dopo i due principali eventi sismici, infatti, nemmeno un sasso è caduto dalle pareti di ‘Jaccio Crudele’ sulla strada vergognosamente chiusa da quasi due anni. Se qualcuno avesse ancora dei dubbi, l'agibilità, per usare un termine in voga in questi giorni, della via che unisce Leonessa alla vetta del Terminillo costituisce la prova dell'incompetenza e dell'incapacità ad assumersi responsabilità da parte di chi, deputato a farlo, ha preferito nascondersi dietro la burocrazia". Un passaggio che sembra rivolto soprattutto verso alcuni dirigenti e funzionari. "È la prova, inoltre - prosegue Trancassini - che quando manifestavamo da soli nel silenzio colpevole di molti, principalmente del Comune di Rieti, avevamo ragione, ma come è solito fare in tutte le vicende che hanno riguardato il Terminillo il sindaco Petrangeli ha preferito nascondersi". Ora è tempo di guardare al futuro, anche a Rieti. "Abbiamo il compito di ricostruire, riparare e soprattutto rilanciare l'economia dei nostri territori - conclude - in questa partita epocale per la sopravvivenza non potrà esserci più spazio per chi, sottraendosi sistematicamente alle sue responsabilità, non ha la capacità di rappresentare e difendere il proprio territorio. Non abbiamo più tempo da perdere".