Terminillo, lezioni per principianti, boom di fondo e ciaspolate
Rieti, sci: campanello d'allarme al Terminillo Rieti, primi fiocchi di neve imbiancano il Terminillo
Sci di fondo al Terminillo
Ciaspole e slittini a noleggio vanno a ruba e i fine settimana confermano la riscoperta della montagna, soprattutto tra i romani. Ma sulla base dell’ultimo Dpcm del 3 dicembre, al Terminillo gli impianti di risalita resteranno chiusi fino al 7 gennaio e dunque a fare la parte del leone ora appare sempre più lo sci di fondo, che non ha alcuna necessità di fruire degli impianti. Ci si prepara così ad un Natale sportivamente border line, dove già fioccano le telefonate per chiedere informazioni sulle ciaspolate in notturna e sulle lezioni per i principianti dello sci di discesa, le uniche che, al momento, i maestri del fondo e della scuola sci del Terminillo possono mettere in atto.

Dopo un’ultima stagione intrisa di polemiche, la pratica del fondo sembra aver trovato la pace dei sensi: «Quest’anno, grazie alla nuova gestione della pista da fondo, abbiamo restaurato il rapporto tra maestri di sci ed enti locali - spiega Matteo Monaco. - Ad oggi, con gli scarsi 20 centimetri di neve che abbiamo, la parte già battuta è quella che va dall’ingresso dei Cinque Confini fino alla Malga, ma entro i prossimi due giorni aspettiamo un peggioramento e qualche altro centimetro. Nel frattempo sono già cominciate ad arrivare chiamate e prenotazioni, soprattutto per quanto riguarda le ciaspolate in notturna che si svolgeranno ogni sabato a partire dalle 17 e fino alle 18.30. Nonostante questo interesse, però, il Covid ci ha già causato dei danni - conclude Monaco. - Grazie alle scolaresche eravamo infatti arrivati anche fino a 600 presenze, mentre ora, senza il loro ossigeno, cerchiamo di salvare quello che si può soprattutto durante i weekend, quando si lavora di più».
Impianti chiusi
Non va meglio sul fronte dello sci di discesa, in linea con quanto già ipotizzato prima del Dpcm: «Con gli impianti chiusi, fino al 7 gennaio riusciremo a svolgere lezioni per i principianti sul camposcuola del Campotogo - spiega il direttore della scuola sci Terminillo, Simone Munalli. - Questo perché l’insegnamento non è stato fermato, ma a conti fatti si riuscirà a recuperare al massimo il 15 per cento di una normale stagione di lavoro, considerando che invece il 50 per cento è già andato perduto con le persone che hanno preso atto che gli impianti non riapriranno. Nel frattempo aspettiamo altra neve e, anche se potremo fare poca attività, garantiremo tutto quello che è nelle nostre possibilità. D’altronde, l’altra faccia della medaglia del Dpcm è che, molto probabilmente, in queste settimane saranno numerosi i romani che si riverseranno sul Terminillo».
Domenica 6 Dicembre 2020 di Giacomo Cavoli