Un tavolo per il futuro del Terminillo.
Confronto tra istituzioni e operatori alla presentazione del programma dello Sporting Club. “Non solo soldi ma la possibilità di lavorare e fare impresa”..
Lo Sporting Club Terminillo, dopo avere caratterizzato la stagione invernale della montagna reatina con eventi e intrattenimenti, ha presentato il suo programma di attività estive, ma lo ha fatto con un idea di grande impatto, quasi rivoluzionaria e dando vita ad un vero e proprio tavolo di sviluppo del territorio. Ospiti dell'evento presenti nei locali dello Sporting illustri nomi della politica di Comune, Provincia e Regione; l'assessore regionale al Turismo Stefano Zappalà, l'assessore regionale all' Istruzione e Politiche Giovanili Gabriella Sentinelli, il presidente della Commissione Regionale Turismo Miele, il consigliere regionale e presidente Fisi Lidia Nobili, l'assessore al Turismo della Provincia Alessandro Mezzetti, l'assessore allo Sport e alle Politiche Giovanili della Provincia Francesco Tancredi, l'assessore del Comune Rieti per il Terminillo Antonio Perelli, il direttore dell'Agenzia regionale per il Turismo Maffeo, il direttore dell'Apt di Rieti Franceschini, il dirigente del settore Attività Produttive del Comune di Rieti Enrico Aragona, il direttore della Stazione Terminillo Gorgo e il presidente della Proloco Salvatore. “E’ la prima volta che tutti questi rappresentanti istituzionali si trovano intorno allo stesso tavolo, oltretutto invitati da un privato”, ha commentato l'assessore Perelli, dopo avere ascoltato gli interessanti punti del programma dello Sporting Club, tra i quali eventi culturali, enogastronomici, artistici e musicali che animeranno la stagione estiva della montagna. “Questa presentazione è stata infatti motivo di apertura di una nuova forma di dialogo per un territorio che da troppi anni conosce il termine sviluppo solo in forma di promesse in campagna elettorale”, commentano dal circolo. A cogliere l'occasione sono stati soprattutto i vari operatori del Terminillo che, insieme ai ragazzi dello Sporting Club, hanno approfittato per chiedere alle istituzioni non finanziamenti o altre forme di contributo, ma la possibilità di lavorare e fare impresa nel rispetto delle regole, senza l'infinità di vincoli che stanno mummificando una stazione turistica dal potenziale altissimo e sicuramente poco espresso. Numerose le proposte e gli interventi in quello che è diventato un vivace dibattito, dal quale sono emerse la promessa dell'inserimento del Terminillo e delle sue attività nel portale del turismo regionale, di prossima inaugurazione, e l'impegno della Regione Lazio verso un processo di snellimento dei tanti impedimenti burocratici che rendono difficile la crescita di una realtà che potrebbe portare molta ricchezza