Disastro aereo DC-6, una famiglia belga in pellegrinaggio al Terminillo
Continuano i contatti tra i parenti delle vittime del disastro aereo del DC-6 della società belga Sabena avvenuto nel febbraio del ‘55 sul Terminillo, ed il giornalista reatino Antonio Cipolloni artefice lo scorso anno unitamente ad un Comitato apposito e con il concreto ausilio della Pro-Loco e del Comune di Cantalice, della realizzazione di un “Cippo” con targa sul luogo del disastro stesso. È infatti in questi giorni giunta da Bruxelles la famiglia di Mr. Michael Leroy, figlio di uno degli sventurati passeggeri dell’aereo. Michael era accompagnato dalla moglie, dalla figlia e del genero. Egli aveva 2 anni quando avvenne il disastro. Michael Leroy lo scorso hanno non fu possibile rintracciarlo per essere invitato alle cerimonie della inaugurazione del Cippo e di commemorazione delle 29 vittime, tra cui la Miss Italia 1953 Marcella Mariani, in quanto era in America.
La figliola, attraverso Internet ha recentemente saputo dell’iniziative per cui Leroy si è messo in contatto con Antonio Cipolloni. La famiglia Leroy ha potuto effettuare l’escursione grazia alla piena disponibilità della Pro-Loco di Cantalice tramite il presidente Felice Marchioni e del responsabile della Protezione Civile Silvestrino Prosperi che ha accompagnato i Leroy sul luogo del disastro; va dato infine atto al Sindaco di Cantalice Paolo Patacchiola della ampia disponibilità del Comune per facilitare le escursioni sul luogo.
È in “embrione” una iniziativa futura che lo stesso Cipolloni, il Comune, la Pro Loco ed il Cai di Rieti hanno allo studio. Si tratta di una apposita segnaletica che da Capolaterra attraverso la via Marcella Mariani, conduca gli escursionisti fino al “Cippo” a quota 1600 metri; inoltre è in programma per il prossimo anno una gita a Bruxelles che sarà seguita da un nuovo pellegrinaggio dei Belgi a Cantalice ed al Terminillo.
Contatti con l’Ambasciata si stanno tenendo per giungere alla realizzazione di un “gemellaggio” tra i Comuni di Cantalice e quello di Enghien in Belgio così come auspicato lo scorso anno da Cipolloni e dallo stesso Sindaco Patacchiola alla Addetta dell’Ambasciata Belga che intervenne ufficialmente alla cerimonia della inaugurazione del “Cippo” sul Terminillo.