Corso di SkiMan

DISCARICA CON RIFIUTI SPECIALI PDF Stampa E-mail
OsservatoreLaziale.it
Mercoledì 24 Ottobre 2012 17:03

E' ALLARME DISCARICA CON RIFIUTI SPECIALI
Legambiente intende costituirsi parte lesa
Terminillo (RI) - "A Pian de Rosce a 100 mt. dall’ex vivaio forestale, sentiero lato est  sussiste una discarica di rifiuti abbandonati verosimilmente illecita, il sito si estende su una vasta area di diversi mq e contiene materiali di ogni genere compresi rifiuti speciali. Allertati da un cittadino Legambiente ha effettuato un sopralluogo constatando che i rifiuti sono da tempo giacenti sul sito per un quantitativo di decine di mc, parzialmente celati con erba e terra e presentano segni di compattatura". Questo quanto segnalato da Ermenegildo Balestrieri presidente di Legambiente Centro Italia in una lettera inviata al Sindaco e all’Assessore all’Ambiente del Comune di Rieti, al comando della polizia Locale di Rieti, al comando dei Vigili Urbani, al Corpo Forestale dello Stato, alla Prefettura di Rieti, alla ASL uff. Igiene e Ambiente e infine agli Organi di Stampa.  Nella lettera si legge: "Tanto si segnala, affinché il Sindaco e le altre Autorità in indirizzo, possano compiere gli accertamenti loro  demandati istituzionalmente, ai sensi del D.lgv. n. 152/2006. Si rammenta che l’art. 250 del D.lgv. n.152/2006, prevede degli adempimenti obbligatori per il Comune, i quali non possono essere disattesi e per l’adempimento dei quali, con la presente, si pone formale istanza. Si significa, inoltre, che ai sensi dell’art. 16 della L.86/90 la risposta alla suesposta istanza deve pervenire nel termine di 30 giorni dalla ricezione della richiesta medesima. Allorché le Autorità in indirizzo promuovessero causa nei confronti dei responsabili, la scrivente Associazione Ambientalista intende prendere parte al procedimento come parte lesa. Si allega parte del materiale fotografico in possesso della scrivente, altra documentazione è custodita nei propri uffici e a disposizione dell’Amministrazione Comunale qualora ne abbisognasse."

Alberto De Marchis