Il campo d'altura e la palestra della vergogna
La struttura mai completata versa in stato di abbandono
RIETI - A dieci anni dall’inaugurazione, il campo d’altura del Terminillo, in località Cinque Confini, stenta ancora a decollare. Causa principale è l’assenza di una palestra: la struttura limitrofa al campo e alla pista d’atletica è incompleta e versa in stato di abbandono da anni. Anche per questo, pochissime società sportive scelgono il Terminillo per la preparazione estiva. È di ieri il no della Federcalcio per il raduno dell’under 21 prima di Italia-Belgio del 5 settembre. "Abbiamo provato a far rientrare la palestra nei 20 milioni regionali per gli impianti del Terminillo, ma non è stato possibile", spiega il consigliere delegato Simone Munalli. "Opera abbandonata da quando ho smesso di occuparmi di sport", osserva l'ex assessore Marzio Leoncini: "Si è preferito utilizzare i fondi per la piscina di Pian de Valli".