Il Messaggero

Terminillo, il grande afflusso di turisti fa emergere gli annosi problemi legati a viabilità e parcheggi
La strana e fiorente stagione del Terminillo in epoca Covid sta facendo emergere, in tutta la sua criticità, l’assenza di alcune soluzioni pronte ad accogliere le migliaia di persone che continuano a riversarsi nella stazione reatina. Il tema è soprattutto la viabilità: parcheggi insufficienti, con macchine posteggiate lungo la strada a partire già all’altezza dello Ski Caravan Club o dirottate a Campoforogna fino al giro dell’Anello e attese anche di tre ore all’interno dell’auto lungo la Terminillese, stanno costringendo gli operatori a fare i conti con viabilità e mobilità ferme agli anni meno rosei della stazione.

Leonessa, Paciucci: «Svenduta Campo Stella, nessuna notizia sull’apertura degli impianti»
«Dopo un anno di grandi incertezze ciò che sembra sicuro in Regione Lazio è l’apertura degli impianti di risalta per lunedì 15 febbraio, ovunque tranne che a Leonessa. Non si hanno notizie sull’inizio della stagione sciistica  di Campo Stella, non ci sono comunicazioni ufficiali e informazioni riguardo le modalità di acquisto degli skipass, i servizi offerti e i giorni e gli orari di apertura. Non c’è alcuna traccia di una campagna di promozione.

Ciaspole, è mania anche al Terminillo
Ciaspole: è mania. E ora l’ok allo sport del momento consente anche di ottenere la deroga ai limiti di spostamento imposti dall’ultimo Dpcm. Il lasciapassare della racchetta da neve, che anche al Terminillo, in virtù del suo carattere non troppo tecnico, ha visto aumentare a dismisura la sua richiesta tanto da risultare anche difficile negli scorsi fine settimana reperirne un paio a noleggio presso i nolo in quota, è stato confermato anche dal Governo e a rallegrarsi del chiarimento è stato l’Uncem, l'Unione nazionale dei comuni, comunità ed enti montani.

Impianti di sci di discesa riaperti dal 15: al Terminillo è boom di prenotazioni
Il comitato tecnico scientifico dà il via libera alla riapertura degli impianti da sci dal 15 febbraio nelle regioni in zona gialla e al Terminillo i telefoni riprendono a squillare. È l’effetto sci, dopo le fumate nere del 7 e 18 gennaio, quando invece il governo aveva sancito il rinvio delle aperture.

Ristori ai maestri di sci, in Regione passa all'unanimità la mozione di Pirozzi
Il consiglio regionale del Lazio vota all’unanimità la mozione proposta dal consigliere di Fratelli d’Italia Sergio Pirozzi a favore del ristoro per i 300 maestri di sci del Lazio, fermi a causa degli impianti chiusi. L’assise della Pisana, ieri, ha espresso parere unanime alla richiesta avanzata da Pirozzi per ristorare i maestri di sci che hanno già perso almeno il 40 per cento del fatturato e, fra loro, i tanti - anche reatini – che non sono riusciti ad accedere a parte dei ristori erogati fino ad ora dal governo perché iscritti agli enti di diritto privato di previdenza obbligatoria, esclusi dai ristori.