Orizzonti ieri, oggi e domani

LA SCIOVIA RIFUGIO SEBASTIANI - SELLA DI LEONESSA
Siamo intorno alla metà degli anni ‘60, un noto amante dello sci e fondatore dello Sci Club Flaminio, Emilio Roselli, proprietario dell’omonimo negozio sportivo di via Flaminia in Roma, frequentava fin dalla sua nascita turistica il comprensorio del Terminillo e il rifugio del CAI nei pressi della Sella di Leonessa.

LA SCIOVIA CARDITO SUD - 1962
Continuando a sfogliare le pagine dei piani per lo sviluppo impiantistico, vediamo che gli anni ‘60 furono i più prolifici per il Terminillo. La società Funivia il 29 Dicembre 1962 inaugura la sciovia “Cardito Sud” che partendo dal prato delle “Carbonaie” a pochi passi dalla baita ristorante “Capannaccia”(allora totalmente in legno) parte da quota 1.547 con arrivo a 1.687mt. , un dislivello di 140, una lunghezza di 400 metri circa e una portata oraria di 600 persone. La stazione inferiore era accanto ad un maestoso acero che le faceva ombra, ma questo non c’è più così come la sciovia che fu poi smantellata per essere sostituita, poco più a valle, dalla seggiovia biposto nel 1996.

LA SCIOVIA DI CAMPO TOGO 1953
La Sciovia di “Campo Togo” nella prima versione era strutturalmente molto simile alla Sciovia delle Carbonaie per quanto riguarda i sostegni di linea (o cavalletti) in legno di castagno e per i traini degli sciatori del tipo a “T rovesciata”. La stazione inferiore, a quota 1.630, non ha mai avuto una copertura nei vari ammodernamenti e il motore elettrico era protetto da una cofanatura metallica. Una piccola cabina in legno conteneva il banco di manovra e la biglietteria.

LE DUE SCIOVIE DEL TERMINILLUCCIO 1958 - 1968
Per esigenze degli amanti dello “Sport Bianco” fu necessario costruire, nel 1968, un secondo impianto di risalita denominato “2bis”. La nuova Sciovia correva parallela alla prima chiamata la “due”, entrambe con partenza dalla “Capannaccia” e arrivo al Terminilluccio.
Con il passare degli anni lo “appeal” del Terminillo aumentava sempre di più, così il numero degli sciatori ed il loro livello tecnico-sportivo.

Le Motoslitte
TERMINILLO dicembre 1970 nasce la Federazione Italiana Motoslitte
Percorrendo a ritroso la storia di questa montagna ci accorgiamo che molte sono state le iniziative realizzate nel passato, alcune anticipando i tempi, come la F.I.M.S. Federazione Italiana Motoslitte che all’inizio del 1970 attirò l’attenzione di molti sportivi del mondo motociclistico, automobilistico e dello sci agonistico.
L’idea venne a due terminillesi, noti atleti dello sci anche in campo nazionale, Titto Salvatori e Franco Ferriani.