SabiniaTV

E IL TERMINILLO FILM FESTIVAL PERCHE’ E’ SALTATO? LA REGIONE LAZIO SCORDA DI PAGARE GLI ORGANIZZATORI
Si potrebbe scrivere, prendendo in prestito il titolo di un grande film italiano, “C’eravamo tanto amati”! L’atteso “Terminillo Film Festival” ha saltato l’edizione di febbraio 2018, o meglio, il gruppo organizzatore ha sospeso l’evento perché la Regione Lazio ancora non avrebbe saldato il contributo (15mila euro) dell’edizione dello scorso anno.

“La sfida giovanile per la rinascita del centro Italia. Terminillo: difendi la storia, conquista il futuro.”
Dopo la conferenza del 17 Dicembre, che aveva affrontato i temi al centro del rilancio del territorio dell’intero Centro Italia, nella giornata di oggi, 26 marzo, i ragazzi di Gioventù Nazionale Rieti hanno svolto un’azione di protesta contro le condizioni di abbandono e di assenza istituzionale nell’intero territorio montano di Terminillo, un tempo punto di forza della Città di Rieti e dell’intera Regione Lazio e che invece oggi è completamente abbandonato a se stesso. I militanti di Gioventù Nazionale Rieti affiggendouno striscione che recita”TERMINILLO: STOP AGLI SPRECHI!” nei pressi dell’ormai abbandonata Piscina provinciale e distribuendo volantini per le vie di Terminillo hanno voluto sottolineare le enormi mancanze dell’amministrazione reatina negli ultimi anni di (s)governo e mettendo in evidenza la grande potenzialità dell’intera zona. Proprio la “Piscina” è stata presa come esempio per rimarcare il disamore che nutrono le amministrazioni di sinistra, sia Provinciale che Comunale, verso la nostra amata montagna. Questo vero e proprio “buco nell’acqua” è l’emblema dello spreco di oltre 1 milione e mezzo di Euro pagato da noi contribuenti e di anni di ritardo creato dalla vecchia Provincia targata Melilli e Abruzzese. Una vicenda assurda che va di pari passo con l’incuria e la trascuratezza con cui il Comune di Rieti ha trattato il rilancio del Terminillo, risorsa preziosissima sia per l’economia che per il turismo locale.

TERMINILLO, AURIGEMMA: “LA REGIONE LAVORI PER IL RILANCIO”
“Sosteniamo la battaglia che stanno portando avanti i cittadini e gli amministratori della provincia di Rieti per il rilancio del Terminillo, che oggi hanno manifestato sotto la sede della Regione a Via Colombo. Si tratta di un progetto importante e fondamentale per il territorio, che può creare un volano per l’economia turistica (e non solo).
Proprio per questo, manterremo alta l’attenzione affinchè l’amministrazione Zingaretti prenda coscienza della rilevanza di questo programma, in modo da lavorare con determinazione per raggiungere l’obiettivo finale. Certo, non accetteremo gli atteggiamenti tenuti in passato dal centrosinistra, e nello specifico dal Presidente della Regione e dall’assessore Refrigeri e dal consigliere Pd Mitolo che in teoria dovrebbero rappresentare la Provincia reatina, che hanno abbandonato questo territorio e le loro eccellenze.

TRANCASSINI, TERMINILLO: “STRAPPATO L’IMPEGNO AD APPROVARE IL PROGETTO ENTRO DICEMBRE”
di PAOLO TRANCESSINI
Qualcuno pensava che lasciandoci soli avremmo rinunciato o saremmo comunque usciti indeboliti dalla manifestazione…..qualcuno pensava fosse giusto non esserci….oggi più di qualcuno ha commesso un grossolano errore.
È stata una bella manifestazione dal sapore antico, una dimostrazione di come anche i piccoli territori, con personalità e coraggio, possano e debbano meritare rispetto.
A seguito della protesta siamo stati ricevuti dal Direttore Generale del settore Ambiente, Ing. Lasagna, al quale abbiamo strappato l’impegno ad approvare il progetto entro dicembre.

PROGETTO TERMINILLO, PETRANGELI: “NON PROTESTEREMO SOTTO LA REGIONE”
“Ci sentiamo rassicurati dalle dichiarazioni che sono pervenute da parte dei rappresentanti provinciali presso la Regione ed il Parlamento, circa l’approvazione del progetto di sviluppo comprensoriale del Terminillo.
Questo risultato, raggiunto grazie ad un intenso lavoro di squadra, ha visto proprio in questi giorni intensificarsi gli sforzi e gli incontri tecnici per trovare all’interno del progetto sottoposto a valutazione di impatto ambientale le soluzioni tecniche e funzionali più idonee per coniugare la tutela dell’ambiente con lo sviluppo economico e sociale della nostra montagna.