Stampa
Rassegna Stampa
Visite: 1848

leonessa superskiLa Bella, avversario storico del sindaco: «Realizziamo gli impianti sciistici» «Basta con il fantasma della secessione»
LEONESSA «La piccola minoranza informa». Con queste parole si apre una sorta di «libro bianco» che il gruppo consiliare «Legalità, rinnovamento e sviluppo» distribuirà nei prossimi giorni a Leonessa. «Vogliamo spiegare come stanno veramente le cose - sostiene Giuseppe La Bella, ora consigliere comunale di minoranza avversario del sindaco, Paolo Trancassini, proprio come ai tempi del referendum e delle amministrative. Sollecitiamo l'amministrazione a riferire su alcuni problemi di grande importanza - aggiunge La Bella, evidentemente allarmato anche dalle voci che sono tornate a circolare in merito alla necessità di andare via dal Lazio. A Campo Stella lo scorso anno, mentre veniva pubblicizzata l'apertura della stagione, l'Amministrazione non era in grado di assicurarne ne la messa a norma, ne la gestione. Infatti gli impianti sono stati collaudati solo il 13 gennaio 2010 e il giorno successivo, con atto di Giunta, sono state usurpate le competenze del Consiglio comunale, affidando la gestione degli impianti al Consorzio Leonessa Superski, con un impegno di 40mila euro qualora si fossero verificate delle passività, cosa che è avvenuta. Quest'anno non sappiamo ancora quando ci sarà l'apertura degli impianti e chi li gestirà. Ad oggi non ci sono ne progetti, ne idee. Intanto il sindaco si lamenta con la Regione perché non gli finanzia un progetto che non c'è. Siamo alle solite - prosegue La Bella Le previsioni realistiche dicono che la mega-Rubbio non potrà essere raggiunta, se non a piedi, e che quindi rimarrà abbandonata come altre strutture di Leonessa. Una logica purtroppo ricorrente negli ultimi venti anni». Ma le contestazioni sull' impiantistica non finiscono qui: «Perché a Monte Tilia sono stati spesi inutilmente 360mila euro visto che gli impianti sono scaduti e devono essere sostituiti?». I punti contenuti nel «libro bianco» di La Bella sono comunque molti: figurano anche la metanizzazione del paese, la vendita di beni comunali e la gestione del 118.
(FUGGETTA MARCO)